Giornata mondiale contro il lavoro minorile

giugno 12th, 2014 | Posted by Editore in Giornate mondiali / internazionali | News

Un bambino lavoratore non può studiare

Quest’anno, per la Giornata Mondiale contro il Lavoro Minorile, possiamo portare una notizia incoraggiante: negli ultimi anni il numero dei bambini sfruttati nel mondo è diminuito costantemente. Secondo l’ultimo rapporto dell’ILO, Organizzazione Internazionale del Lavoro, dal 2000 al 2012 il numero di bambini lavoratori è sceso da 245 milioni a 168 milioni.

PassolTuttavia, non è certo il caso di gioire, né di ridurre gli sforzi per arrivare all’eliminazione completa del lavoro minorile: dobbiamo ricordare sempre che nel mondo c’è ancora un numero impressionante di bambini (più o meno uno su dieci) costretti a diventare adulti prima del tempo, costretti a rinunciare alla spensieratezza dell’infanzia e a svolgere lavori spesso molto faticosi e pericolosi, che compromettono la loro crescita e mettono a rischio la loro giovane vita. Un bambino lavoratore, inoltre, è un bambino che non può studiare, e un bambino non istruito non potrà mai avere i mezzi e le conoscenze necessarie per uscire dalla propria condizione di sfruttamento.

L’Asia è il continente con il maggior numero di bambini lavoratori al mondo: ben 78 milioni, che corrispondono circa  al 9.3% della popolazione asiatica. In Africa subsahariana i bambini sfruttati sono 59 milioni, ed il tasso in rapporto alla popolazione è molto più alto: 21.4%. Anche in America Latina la piaga del lavoro minorile è più presente che mai: i bambini costretti a lavorare sono 12.505, l’8.8% del totale. Il settore che vede l’impiego del maggior numero di bambini è l’agricoltura, seguita dal settore dei servizi e dall’industria, quasi sempre nell’ambito dell’economia informale.

Negli anni ’90 Iqbal Masih, un bambino di origine pakistana, è diventato il simbolo della lotta contro il lavoro minorile. Iqbal aveva appena 5 anni quando i suoi genitori, oppressi dai debiti e dalla povertà, decisero di venderlo ad un fabbricante di tappeti perché lo facesse lavorare. I soldi guadagnati dal piccolo sarebbero serviti a ripagare tutti i debiti. Le condizioni di lavoro di Iqbal erano a dir poco disumane: costretto a lavorare 12 ore al giorno, legato al suo telaio per evitare che provasse a scappare, per guadagnare un salario insignificante.

Qualche anno dopo, fuori dalla fabbrica, Iqbal conosce  Eshan Ullah Khan, sindacalista a capo del BLLF, il Fronte di Liberazione dal Lavoro Forzato. Quest’incontro cambierà la sua vita e quella di tante altre persone. Il sindacalista parla a Iqbal dei diritti dei bambini e della necessità di porre fine a qualsiasi forma di schiavitù infantile. Iqbal decide di fuggire dalla fabbrica e di raccontare al mondo la sua storia. Dal 1993 si trasforma in un attivista e, facendosi portavoce di tutti i bambini lavoratori del pianeta, arriva a parlare ai più importanti convegni internazionali sul lavoro, iniziando dai paesi asiatici per poi partecipare alle conferenze di Stoccolma e di Boston. Grazie alla sua determinazione, in Pakistan riuscì a far chiudere diverse fabbriche di tappeti, liberando migliaia di bambini-schiavi.

IMG_1774L’avventura del piccolo Iqbal ebbe purtroppo una tragica fine: nel 1995, quando aveva appena 12 anni, venne ucciso da un colpo di fucile mentre correva sulla sua bicicletta. Il suo sacrificio è servito però a lanciare un importante messaggio:

“Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite”.

Ed è proprio questo ciò che si propone di fare il Sostegno a Distanza: garantire un’istruzione a tutti i bambini del mondo, perché nessuno di loro debba più essere sfruttato.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.