Il lavoro incessante della squadra di soccorso

maggio 14th, 2015 | Posted by Editore in News

La Squadra di Soccorso continua instancabilmente la sua missione di aiuto alle persone colpite dal terremoto.
Abbiamo fatto visita al villaggio di Tulolsilvari, nel distretto di Sindhupalchok (che avevamo visitato il 29 aprile) e consegnato 300 sacchi riso, dahl, olio e teloni. Abbiamo inviato due camion di scorte alimentari e teloni per Gorkha alla scuola St. Joseph. Al nostro arrivo alla scuola siamo andati al VDC (Village Development Committee) per ottenere le autorizzazioni necessarie. Nel frattempo, abbiamo organizzato il trasporto di materiale di soccorso con 7 autoarticolati. La quantità totale di materiale preparata è stata: 12.500 kg (500 sacchi) di riso, 660 kg (22 sacchi) di dahl, 504 litri (42 cartoni) di olio da cucina, 500 kg (10 sacchi) di sale e 600 teloni per i ripari temporanei.
Il villaggio in cui il materiale è stato destinato è Muchok, a soli 7 chilometri dall’epicentro del terremoto. Ci sono volute 4 ore di viaggio, lungo una strada di fango sconnessa, in una jeep quattro ruote motrici presa a noleggio, ci ha portati a Muchok. Muchok è abitato da 943 famiglie ed ha subìto 43 morti.
Gli autoarticolati sono partiti prima di noi e hanno impiegato 5 ore per arrivare sul posto. Arrivando per primi nel villaggio, abbiamo potuto incontrare gli abitanti, ascoltare le loro storie e vedere con i nostri occhi la devastazione. L’unica scuola superiore che serve l’intera regione era completamente danneggiata. Gli studenti erano intenti a recuperare quaderni e fogli d’esame sepolti tra le macerie. Quattro insegnanti, tra i 12 che stavano partecipando ad una riunione, sono morti durante il terremoto. Quando i mezzi di trasporto sono arrivati a Muchok, abbiamo visto che erano solo quattro (abbiamo immaginato che gli altri tre fossero in difficoltà a causa della strada sconnessa). Era quasi buio quando sono arrivati e non c’era tempo per distribuire i materiali di soccorso. Così, gli abitanti del villaggio ci hanno aiutato a scaricare i rimorchi e stoccare il materiale. Gli abitanti del villaggio avrebbero sorvegliato il materiale durante la notte e la mattina seguente il comitato del villaggio avrebbe provveduto a distribuirlo. I leader hanno assicurato che avrebbero distribuito equamente tra tutti, con particolare attenzione per i feriti/malati e le famiglie più bisognose. Gli anziani del villaggio ci hanno dimostrato la loro gratitudine e volevano che restassimo per la notte e condividessimo il loro cibo, ma abbiamo dovuto tornare a Gorkha.
È stato durante il nostro viaggio di ritorno che abbiamo scoperto cosa era successo ai tre mezzi dispersi: erano stati dirottati!
Chi ha orchestrato il piano era una persona che avevamo conosciuto all’ufficio del VDC e che si era dimostrata molto disponibile a facilitare il nostro lavoro. Questa persona sapeva esattamente quanto materiale trasportavano, come e dove. Così, ha organizzato l’intercettazione dei trattori per reindirizzati dove voleva! Immaginate la nostra frustrazione e la nostra rabbia!
Siamo arrivati a Gorkha verso le 22.00, alle 5.30 abbiamo iniziato il viaggio di ritorno per Kathmandu e siamo riusciti a raggiungere Thecho alle 10.00. Eravamo stanchi morti, ma felici di aver portato un po’ di aiuti, nonostante il materiale dirottato. Speriamo che sia stato dato a persone bisognose!

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.