S.O.S. AIUTO

LA STORIA DI MANJU

Mi chiamo Manju e vi scrivo per dirvi che in India sono molte, troppe, le donne povere lasciate sole durante il percorso di gravidanza e nello svezzamento. Senza sostegno economico e sociosanitario i rischi da affrontare sono molti.
Io sono stata fortunata grazie alla generosità di persone come voi che non mi hanno lasciata sola e ora vi sto chiedendo di aiutare altre donne come me.
La mia gratitudine è infinita!
Mio marito lavora come sarto ed è l’unico membro della famiglia a percepire un reddito. Sono rimasta incinta quando avevo 23 anni. All’inizio della gravidanza ho avuto alcune complicazioni e mi è stato consigliato di rimanere a letto, a riposo. Sono rimasta molto debole fino al momento del parto. Ricordo che ero abbastanza preoccupata, soprattutto quando ho saputo che avrei dovuto affrontare un parto cesareo.
L’operazione però, per fortuna, è andata bene ed è nata Bebi, una bimba bella e sana!
Qualche anno dopo, durante la mia seconda gravidanza, l’organizzazione CINI India è arrivata nel mio villaggio con il programma di sostegno alle donne incinta e alle neomamme.
Le operatrici hanno iniziato a farmi visita regolarmente, ascoltavano i miei dubbi e mi consigliavano su come affrontare piccoli problemi e complicazioni. Hanno organizzato incontri di formazione, sensibilizzazione e informazione con le altre mamme del villaggi, sui temi della salute e della nutrizione.
Mi hanno consigliato di recarmi all’ospedale statale per sottopormi a controlli regolari ed ecografie e hanno contribuito alle mie spese mediche. Durante i vari test sono venuta a conoscenza del mio gruppo sanguigno e di altre importanti informazioni che mi hanno aiutata a prepararmi al parto e a viverlo con meno timore rispetto alla volta precedente.
Ho dovuto affrontare un secondo cesareo, ma è andato tutto bene ed è nato Gopal che è un bimbo vivace e in salute. Il mio bambino e io stiamo bene e spero che, come me, tante altre mamme possano essere sostenute e consigliate nei due più importanti e difficili momenti della loro vita: la gravidanza e il parto.
Manju
 

Fondazione Fratelli Dimenticati insieme alla onlus CINI attraverso questo progetto garantisce ASSISTENZA ALLE DONNE INDIANE E AI LORO BAMBINI DURANTE I NOVE MESI DI GRAVIDANZA E I PRIMI DUE ANNI DI VITA DEI PICCOLI.

SOSTIENI REGOLARMENTE LE MAMME E I LORO PICCOLI PER MILLE GIORNI!

Il tuo aiuto contribuirà ad offrire:

CURE GINECOLOGICHE, ECOGRAFIE, PARTO SICURO alla madre.

NUTRIZIONE DI QUALITÀ, CRESCITA SANA al bambino.

Potete effettuare la vostra donazione con versamento in conto corrente postale o bonifico bancario (fiscalmente deducibili), direttamente presso le nostre filiali o tramite carta di credito cliccando sul bottone sottostante specificando nella causale: ADOTTA UN PANCIONE.

Nel caso in cui scegliate quest’ultimo metodo, ricordate di inserire il vostro indirizzo nell’apposito spazio, servirà per potervi inviare il nostro trimestrale “I Fratelli Dimenticati”.

Tutela dei dati personali
Vi informiamo che, ai sensi dell’art, 10 della L, 675/96 e del D. Lgs. 196/2003, i vostri dati saranno utilizzati dalla Fondazione Fratelli Dimenticati onlus esclusivamente per inviare materiale informativo sulle attività della Fondazione. Titolare del trattamento è Fondazione Fratelli Dimenticati onlus, Via P. Nicolini 16/1, 35013 Cittadella (Pd), a cui potrete rivolgervi per conoscere i nomi di eventuali responsabili del trattamento e per esercitare i diritti di cui all’articolo 13 della predetta legge, tra cui la rettifica, l’integrazione o la cancellazione.