Centro Sisoguichi 2^

Istituto Tecnico di Secondaria di Sisoguichi, esiste per la preoccupazione della Diocesi della Tara-humara ad avere un luogo di educazione cristiana a livello secondario, considerando la scuola come un luogo privilegiato per l’evangelizzazione.

L’Istituto fu fondato come scuola secondaria nel 1968

(prima era scuola primaria) con lo scopo di fornire educazione cristiana ai giovani tarahumara e meticci che chiedevano istruzione. Si optò per la secondaria perché tra i richiedenti c’erano anche i giovani seminaristi del recentemente iniziato Vicariato Apostolico della Tarahumara, parte della Chiesa affidata ai Padri Gesuiti.
L’Istituto venne inizialmente gestito dai gesuiti ai quali nel 1962 subentrano i Fratelli Maristi che rimasero fino al 1996 quando lo consegnarono alla Diocesi della Tarahumara per carenza di perso-nale. La diocesi si assume quindi la responsabilità diretta di garantire continuità alla scuola e la af-fida a un gruppo di insegnanti laici che lavorano a stretto contatto con il Vescovo. Così oggi l’Istituto fa parte dell’istituzione diocesana “Pro-Tarahumara” e il responsabile finale ne è il Vescovo de la Tarahumara.
Sisoguichi è uno dei villaggi base nella missione della Tarahumara già dal 1676. È un villaggio di circa 2.500 abitanti, a 2.200 metri slm, fa parte del comune di Bocoyna e dista circa 220 chilometri da Chihuahua, il capoluogo di regione.
La scuola è aperta a tutti ma assume un ruolo particolarmente importante per la popolazione indi-gena rarámuri. I ragazzi arrivano alla scuola di Sisoguichi alla ricerca di una possibilità di crescere, svilupparsi e di prepararsi alla vita nel miglior modo possibile. Questo in un ambiente nel quale possano vivere e rinforzare i propri costumi, avendo la possibilità di conoscere e accedere alle sfide che la vita del giorno d’oggi impone loro.
Dal 1968 la scuola vive vari periodi di difficoltà e cambiamento. La chiusura del convitto, il passag-gio dai gesuiti ai maristi e poi alla diocesi per mancanza di personale. Quindi la riapertura del con-vitto prima maschile poi femminile nel 2004. Nel 1998 la scuola contava 62 alunni, oggi gli studenti sono 145 dei quali il 72% è indigeno. L’istruzione è gratuita mentre per il convitto viene chiesta una cifra nominale di 100 pesos mensili (circa € 6,25) ai 40 maschi e alle 47 femmine che vi risiedono.
Il personale è composto da diciassette persone tra corpo insegnanti, responsabili degli ostelli, cuci-na, biblioteca. Lo stabile necessita di vari interventi di manutenzione.
La scuola si compone di una direzione, 4 aule, biblioteca, laboratorio, bagni, ufficio, aula polifun-zionale e legnaia (nei rigidi inverni le stanze vengono scaldate con stufe a legna).
L’internato maschile comprende un dormitorio, un salone per lo studio e i bagni, ma per l’intero stabile è necessario il rifacimento dell’impianto idraulico e di quello elettrico.
Cucina e refettorio servono gli ospiti del convitto per tutti i pasti e l’intera popolazione scolastica per la colazione, viene poi utilizzato come aula magna per le riunioni scolastiche.
L’internato femminile è composto da tre dormitori, un refettorio e sala riunioni, una piccola cuci-na, un salone studio e i bagni.
Vi sono quindi una serra per gli ortaggi, una carpenteria e uno spazio giochi con campo da basket, campo da pallavolo e campo da calcio.
Il costo degli insegnanti viene attualmente assorbito da un’organizzazione no profit messicana, mentre alla gestione si fa fronte con il Sostegno a Distanza della nostra Fondazione e con qualche aiuto non continuativo locale.
Gli studenti ricevono qui un’educazione secondaria al termine della quale hanno l’opportunità di scegliere l’indirizzo che desiderano, sia esso tecnico o liceale.
Nonostante gli ospiti, tra ragazzi e ragazze, siano di ben 90 interni, l’atmosfera dell’Istituto è di una grande famiglia. Questo, oltre alla pluralità che i ragazzi rappresentano, significa una ricchezza e-norme, un’allegria per la convivenza che ne scaturisce e la sfida di mettere in comune gli ideali per camminare insieme, in questo luogo d’incontro delle varie zone della Sierra Tarahumara da dove essi provengono.
Gli studenti arrivano da tutta l’area: dall’alta alla bassa Sierra Tarahumara e dalla zona dei canyon, il che significa una zona vasta oltre 31.300 chilometri quadrati. Approfittando dell’opportunità data dal convitto, arrivano con lo spirito di accrescere la propria cultura e di prepararsi sia accademica-mente che spiritualmente nel miglior modo possibile, per servire le proprie comunità e le proprie famiglie.
Il programma scolastico seguito è quello ministeriale integrato da formazione tecnica a scelta tra le quattro opzioni di: carpenteria, promozione di salute, agricoltura, cucito.
Un altro aspetto che viene sviluppato è la formazione artistica offerta in cinque opzioni: corale, danza folcloristica, disegno, chitarra, teatro il quale comprende anche il gruppo bandistico.
Non viene tralasciata la catechesi, elemento fondamentale dell’Istituto, con lo studio dei principali elementi della fede. Le celebrazioni religiose sono vissute insieme e con i costumi della comunità, come la Danza de Matachines e adorazione che culmina con la S. Messa.

Formarsi per la vita, la vita economica globale e la vita propria di ogni singola comunità dalla quale provengono, con una profonda visione solidale e nella quale si imponga il compito di arricchirne e attivarne le opportunità. Con grandi valori intrinseci alla cultura raramuri che permettono di vivere un cristianesimo profondo come è la fraternità e l’ospitalità. Questo è lo spirito che caratterizza la Scuola Secondaria di Sisoguichi.
L’Istituto desidera offrire l’opportunità di potenziare questi elementi culturali nella convivenza quo-tidiana con i compagni e accrescere l’apprendimento degli studenti nell’ambito accademico e tecni-co. La grande sfida consiste nel mantenere vivi e attuali i valori propri della vita ordinaria indigena e che a fronte della nostra “civilizzazione” vengono continuamente minacciati. Camminare giorno dopo giorno con la speranza di vivere una vita che porti, a parità di circostanze, armonia, felicità e benessere per tutti.
Gli scopi dell’Istituto nell’ambito accademico sono di fornire all’alunno una preparazione basica che gli permetta una formazione superiore. Vi è a questo proposito una continua formazione del personale docente il quale partecipa a vari corsi organizzati a livello zonale e regionale; vi è un con-tinuo adattamento e revisione del percorso di studi in funzione della cultura e delle necessità del periodo; vi è un continuo aggiornamento del materiale didattico.
Nell’ambito religioso lo scopo è di vivere e sviluppare la fede dell’individuo affinché possa poi impe-gnarsi nell’apostolato nella sua comunità. Questo avviene attraverso una formazione dottrinale, spi-rituale, apostolica e missionaria con il supporto della parrocchia.
Nell’ambito tecnico l’Istituto vuole sviluppare in ognuno le abilità che aprano allo studente l’orizzonte per una fonte di lavoro e di miglioramento dell’ambiente in cui vive. Per questo è neces-saria però la ristrutturazione dell’officina di carpenteria e della serra orticola della scuola nonché riabilitare un locale per il taglio-cucito e per la promozione di salute. L’Istituto vuole sviluppare un programma di apprendimento e produzione, iniziando dalla conoscenza del materiale, della ferra-menta, dei macchinari e degli attrezzi, fino alla elaborazione di articoli finiti, in un corso di due ses-sioni settimanali per un periodo di tre anni. Ciò realizzabile con la permanente e adeguata forma-zione degli insegnanti.
Il convitto ha lo scopo di facilitare l’accesso all’educazione secondaria nella Sierra Tarahumara e di rinforzare la cultura indigena, infine il servizio sociale ha lo scopo di favorire l’educazione di base, promuovere la salute e laboratori alle comunità meno accessibili attraverso il servizio che gli ex-allievi possono prestare.

Il nostro impegno a sostegno dell’istruzione scolastica nella comunità di Sisoguichi è concreto già dal 1998. Questo ha dato la possibilità di far fronte alle necessità economiche di mantenimento e gestione delle scuola a beneficio di centinaia di ragazzi e ragazze indigeni che vivono in queste alture e che og-gi hanno la possibilità di studiare e quelli che hanno terminato hanno la possibilità di un buon lavoro. L’impegno nella scuola secondaria diventa per noi più specifico e concreto nel 2002 quando abbiamo deciso di sostenere separatamente la scuola secondaria (prima aiutata assieme a quella primaria ge-stita dalle scuole) Una decisione che scaturisce dalla necessità di incentivare la crescente richiesta di continuare gli studi. In un contesto così delicato non sostenere il desiderio di quegli studenti che spe-ravano di poter continuare a studiare e che avevano bisogno di aiuto, ci è sembrato un vanificare l’impegno profuso nella scuola primaria. Tuttavia il fatto che nella scuola secondaria vi siano studenti più “grandi” per età rende impossibile la tradizionale forma di Sostegno a Distanza essendo decisa-mente esiguo il numero di donatori che accettano di buon grado la scheda di uno studente che non sia in tenera età. Ecco che alla recente richiesta di aiuto da parte del responsabile Prof. David, per far fronte al miglioramento delle condizioni della scuola e degli studenti, abbiamo voluto rispondere attra-verso il Sostegno del Centro. Questo potrà garantire un miglior servizio ad un maggior numero di ragazzi e ragazze della Sierra Tarahumara che hanno compreso e deciso che il futuro è nell’educazione.